Cosa fare a Londra quando non sai cosa fare.

Prima che vi accaniate su di me vi dico che Londra è una città viva con tantissime attività da fare. Ma ci sono quei giorni, che a me capitano svariate volte al mese, che non ho voglia di organizzare niente

non ho voglia di ricercare su internet se ci sono attività o mostre interessanti da vedere. Quei giorni li chiamo “Giornate Pigre” semplicemente perchè mi alzo già stanco, non so se conoscete la sensazione.

Considerando però che secondo me ogni giornata passata in casa a non fare nulla, è come una giornata buttata via, mi dò una svegliata e scelgo dove andare a fare colazione. Avendo la passione per il caffè qui a Londra c’è una svariata scelta di coffee shop, ognuno col suo stile personale, dall’arredamento classico a quello che sembra la cucina di casa tua.
Si differenziano anche molto nel caffè, perchè tu pensi che il caffè sia solo di un gusto ma qua ognuno lo fa a modo suo ma alla fine più o meno tutti lo fanno stile inglese: bruciato e incandescente. Quindi per cui la scelta più ovvia era andare all’Etna Caffè (essendo appena stato sulla cima dell’ Etna, vi lascio il link al mio articolo QUI), coffee shop alla stazione di Victoria di due Catanesi DOC ma che ancora non avevamo provato.
Il posto è piccolo ma ben accogliente, i ragazzi ci accolgono con una varietà di cibo che va dai classici croissant con crema e Nutella, sandwich ripieni e gli Arancini direttamente dalla Sicilia. Senza pensarci un attimo e subito due cappuccini, un croissant alla nutella un bap bacon e uova, e un arancino al nostro tavolo per darci la carica giusta. Etna Caffè promosso a pieni voti.
Fatta la colazione viene il dubbio su cosa fare, fortuna vuole che li vicino ci sia il Victoria & Albert Museum. Il museo è davvero ricco di cultura per la quantità di sculture e architettura al suo interno e per la varietà di opere famose. Fortunatamente senza farlo apposta c’era una mostra sulla fotografia, con opere di Mark Cohen e Linda McCartney; un’ esposizione delle più belle e antiche macchine fotografiche e una specie di macchinario particolare per vedere le foto antiche in 3D. Quindi un posto che dovete vedere assolutamente sia che siate appassionati oppure no, perché un po’ di cultura da sempre bene e poi è gratis.

cof

cof

cof

cof

cof

Visto un museo, a quel punto ne vediamo un altro, perché proprio lì accanto c’è il Natural History Museum. Per gli amanti di Harry Potter il museo sarà come entrare ad Hogwarts perchè lo ricorda tantissimo per la sua architettura, le statue e per i quadri antichi al muro che ricordano la famosa scuola. Essendo diviso per zone colorate è facile decidere dove andare e come muoversi e visto che sarà la quinta volta che ci andiamo la nostra prima destinazione è la zona blu: DINOSAURI. Riproduzioni di scheletri a grandezza naturale, reperti antichi e un T-REX gigante robotico (da solo vale il prezzo del biglietto, che è comunque gratis). Finito con i dinosauri ci rechiamo nella grande hall in stile Hogwarts dove al soffitto c’è uno scheletro a grandezza naturale di una balenottera azzurra che ti lascerà a bocca aperta e naso all’ insú da quanto è bella.

cof

cof

cof

Girando per il museo si può trovare davvero di tutto, da un vero cervello umano ben conservato ad una riproduzione di un terremoto in un supermercato giapponese; potete passare 3 ore lì dentro senza accorgervene. Finita la dose di cultura decidiamo che è ora di andare a casa anche perché il museo chiude alle 17, senza dimenticare un piccola donazione per il museo all’ uscita che non guasta.

Dopo una giornata tra passato e futuro, decidiamo di concludere la giornata nel presente tornando alle nostre pigre abitudini, buttandoci sul letto e terminarla guardando Netflix.

Spero vi sia piaciuta la mia “giornata pigra”, non dimenticate di lasciare un like qui sotto e fatemi sapere che cosa ne pensate con un commento.

Cheers.

Advertisements

One Comment on “Cosa fare a Londra quando non sai cosa fare.

  1. Cugino mi piace un sacco leggerti!! Sei bravo mandali a qualche rivista…chissà 😉

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: